martedì 17 maggio 2011

Underground today Vol. 1

Ed ora un super post con doppia recensione! Prima edizione, perchè ne pubblicherò altri...


ATTRITO - INDOTTO A CAMMINARE LP
Trento City si conferma la più grande fucina di pancarcore del norditalia, se non addirittura dell' intero stivale, questa cittadina di montanari sta sfornando alcuni tra i gruppi e i dischi più interessanti degli ultimi 2 anni, e gli Attrito ne sono un limpidissimo esempio.
Gli attrito ho avuto la fortuna di conoscerli e di esserci diventato amico durante la loro prima (triste purtroppo) serata a padova (@tacu tacu club) e ne sono orgoglioso, perchè non capita sempre di poter fare i fighi dicendo "ti piacciono? eh sai, sono amici miei hahahaha" e oltretutto perchè sono il mio gruppo italiano ( hc vecchia squola) preferito tra quelli odierni.
Indotto a camminare è il loro primo disco ed è una granata di classico hardcore "all' italiana" influenzato da NEGAZIONE, SOTTOPRESSIONE, INDIGESTI e dai concittadini GRANDINE, Luca e Bilo fanno da alfieri sotto l' artiglieria pesante della batteria di Smelly mentre la voce di Rupert da il definitivo colpo di grazia a ciò che resta dei vostri timpani, che tuttavia non potranno più fare a meno di ascoltare questo splendido album.
Voto 9!

Attrito - Indotto a camminare -

ANTISEXY - EL LURIDO CD -
Gli eroi della Padova veloce e furiosa tornano anni dopo il disco d' esordio "la vita fa schifo, poi muori!" e lo split con gli endless struggle!
E la sinistra profezia si  rivela infine veritiera...18 pezzi inediti, meno di 30 secondi ciascuno...ma non pensate ad un' accozzaglia di scimmiottamenti del powerviolence o degli xbraniax...
Qui siamo oltre; gli antisexy che già mi avevano provocato erezioni con "la vita fa schifo..." si creano letteralmente uno stile musicale, cosa tutt' altro che facile oggigiorno.
La perfetta fusione di cinismo, misantropia e sardonismo tutto questo condito con una musica che io considero "non classificabile secondo un genere"...qui c' è tutto, l' intensità e la potenza dell' hardcore, la velocità e il suono caustico della chitarra tipico del thrash e la velocità assolutamente INCREDIBILE e i continui cambi di tempo del powerviolence...Un risultato praticamente perfetto, a cui aggiungo i testi in italiano, due cover, di descendents e milizia hc, che gli antisexy filtrano attraverso la loro visione musicale rendendole proprie, e in più le tracce dello split di qualche anno fa rimasterizzate.
Oltretutto sono ormai diversi anni che sono amico del cantante, il già citato Mirco, "ragazzo" davvero grande, vecchia guardia della PDxHC nonchè mente delle Here And Now Records and Label di cui parlerò sicuramente in futuro, e da cui è tutt' ora disponibile il CD a un prezzo davvero ridicolo, proprio per questo ve lo raccomando.
Voto 10..forse sarò un po' di parte ma in italia non usciva un disco così originale da un sacco di tempo.

30 secondi punk hardcore!

Nessun commento:

Posta un commento