lunedì 17 ottobre 2011

80' s obsession part. 2

IMPULSE MANSLAUGHTER - HE WHO LAUGHS LAST...LAUGHS ALONE! LP -
Ecco a voi l' ennesima meraviglia targata anni '80! Gli impulse manslaughter sono uno degli esempi più fulgidi di come ci si possa dimenticare totalmente di gruppi davvero spaventosi!
Originari di Chicago , Ilinois, i nostri sfoderano un Punk/Metal da antologia, se vogliamo intenderci un fantastico mix tra Crust Punk e Metal per certi versi influenzato anche dal Grindcore più primordiale. Attenti però, ricordiamoci della data, 1987! Quando per crust si intendeva il punk HC più monolitico e cupo, non le carnevalate a cui purtroppo ci siamo dovuti abituare.
Frenetico, disperato, apocalittico e senza compromessi, ma senza rinunciare per questo all' originalità espressiva e alla più totale devastazione sonora, insomma un ordigno più che un disco.
Già la barbarie della copertina avverte l' ascoltatore del macello a cui sta per assistere; sound ossessivo, annichilente, la potenza e l' irruenza dell' HC granitico alla DISCHARGE fusi con la brutalità del thrash metal iperveloce, tutto condito da testi incentrati su temi come la guerra, l' oppressione quotidiana, l' annichilimento del singolo, l' ordinaria obliterazione di sè, prima che tutto questo diventasse un pallido clichè. Se dovessi dire la prima parola che mi viene in mente ascoltando questo disco, sarebbe senza dubbio il termine "dolore". Ed è proprio questo che viene trasmesso, dolore, rabbia, disperazione, un suono disperato e senza orpelli, spietato nella sua semplicità. Anche se non mancano gli accenni di tecnica e le tracce di influenza metallica.
Senza mezzi termini un disco assolutamente imprescindibile per qualunque degno feticista dell' Hc/Metal anni '80, quando ancora la contaminazione tra questi due generi dava risultati interessanti e sopratutto originali, indispensabile per ogni fanatico di gruppi come DISCHARGE, ANTI CIMEX, BROKEN BONES, ENGLISH DOGS, CONCRETE SOX, HERESY e generalmente di tutto l' HC a tinte scure.
Che aggiungere, un obbligo ascoltarli, un consiglio comprarli...tanto per ribadire come la parola "crust" non debba essere per forza sinonimo di drealocks, squallidi giubbetti borchiati e mancanza d' igene personale.
Voto 9, disco imprescindibile, gruppo totale!


KABOOOOM!

1 commento: