lunedì 31 ottobre 2011

E chi se ne frega...




Lo so che il tempo lo sa
che siamo nascosti qua,
in fuga dalla realtà,
e chi se ne frega.
L'iguana dei passi tuoi,
il tuo inguine di viva orchidea,
dove annegano gli occhi miei
e il tempo si ambigua.

Io da qui non mi muovo più,
abbracciato a una cruce, tu,
mentre il sole riallaga il blu,
e chi se ne frega.


Voglio quello che vuoi tu,
voglio il tempo che non ho
e l'avrò!


Il tempo ai cani e la polizia,
sbaranzia e dietrologia,
fa che insegua la nostra scia,
e chi se ne frega. 

Io da qui non mi muovo più, 
neanche se te ne andassi tu, 
su quest'erba che guarda in su 
e sembra che prega.  (sbaglia pure i congiuntivi sticazzi!)

Voglio quello che tu vuoi, 
voglio quello che vorrai, 
voglio vivere di più, 
voglio il tempo che non ho 
e l'avrò, sì! 

Lo so che il tempo lo sa
che siamo nascosti qua
e se vuoi ci raggiungerà,
ma chi se ne frega!



eeeeh ciò ma..."la musica italiana ha quel qualcosa in più..."

eh già...

Nessun commento:

Posta un commento