martedì 27 marzo 2012

io penso che tu sia una merda

THE FUCK UPS - F.U. '82 MINILP -
Un ennesimo disco scoperto per caso, frugando e frugando nel deposito alluvionale di materiale che gli anni '80 ci hanno lasciato; oggi in particolare mi voglio focalizzare su questo gruppo, che in sole 6 canzoni ha concentrato la quintessenza del nichilismo espresso tramite il punk rock.
I FUCK UPS erano una band di San Francisco, che raggiunse quasi subito una grande "fama" per il disordine che si portava dietro; un seguito composto da sbandati di ogni genere, che prontamente scatenavano casi di violenza e crimini vari ad ogni show, tanto da far "bannare" il gruppo dalla maggiorparte dei locali, costringendoli spesso a suonare in baracche o addirittura per la strada, nei vicoli più sporchi della Bay Area.
Il bello è che la cosa non pareva dispiacergli; infatti la loro musica altro non era che un punk acido, in cui gli strumenti venivano torturati impunemente col preciso intento di DARE FASTIDIO, cosa, per altro, ribadita appieno dalle liriche, incentrate sull' odio ed il disgusto più cronico per le persone, e anche sulla provocazione fine a sè stessa come in "once i had a brother".
Musicalmente i FUCK UPS sono definibili senza dubbio punk rock, e per certi versi si possono accostare a personaggi del calibro di GG ALLIN o a gruppi come i BLUE VOMIT, e GERMS sia come attitudine, sia come matrice musicale, che in alcune canzoni vede l' accostarsi anche la presenza di un "back vocals" femminile.
Assolutamente sconsigliati a chi è abituato a dolci e romantiche melodie, i FUCK UPS sono senza mezzi termini quanto di più grezzo, ruvido ma nel contempo VERO che l' hardcore e il punk americani abbiano mai partorito.
Voto 9, come "fare la storia" con un solo disco.

FUCK UPS - F.U. '82 -

Nessun commento:

Posta un commento